L’ospedale dei SS. Jacopo e Filippo di Campiglia

Brevi cenni storici sull’ente campigliese

L’Ospedale di S. Jacopo e Filippo di Campiglia era nato nel medioevo.

Nel ‘400 aveva già delle rendite proprie e si trovava nei locali a pian terreno dell’attuale palazzo comunale. Nel 1562 i pellegrini ed i malati sono “tenuti sopra un pagliariccio in una stalla che minaccia rovina senza usci né finestre”.

Per migliorare le cose il Comune nomina come ospedaliere Pier Maria Ficarelli che ristruttura l’Ospedale e lo dota finalmente di letti e di altre cose necessarie.

Nel 1566 però, l’ospedaliere prete Affricanti fugge portando via tutto quello che può, specialmente la biancheria.

n origine gli ospedalieri gestivano le rendite dell’Ospedale, provenienti soprattutto da una vigna che si trovava in località Citerna, ma invece di prendersi cura dei poveri bisognosi, pensavano esclusivamente al proprio interesse, trafugando illecitamente i beni dell’ente.

Nel 1574 il Comune decise di prendere in mano l’amministrazione dell’Ospedale, “visto e per esperienza considerato che i poveri di Dio per lo addietro sono stati maltrattati”, e nominare un ospedaliere che mantenga due letti per gli infermi e pagliericci per i più poveri, prestando attenzione a “barocci” e “birboni” perché “simil gente arriva la sera e la mattina partinsi con rubbar possendo la coperta o altro che li facessi comodo”.

Si decide anche di nominare un chirurgo per “levar sangue a tutti i malati” in cambio di sei sacchi di grano all’anno. Nonostante questi provvedimenti però nel 1595 l’Ospedale manca ancora di tutto il necessario, “nessuno vi abita” e nella terra di Campiglia “si trovano i morti di stento nelle strade e nelle stalle”.

Fonte: rivista “Venturina Terme”, n. 1 (luglio-agosto 2014)

Gianluca Camerini

Gianluca Camerini

Nato a Campiglia Marittima nel 1973, si è laureato con lode in Storia Moderna all'Università di Pisa. Autore di numerose pubblicazioni, si è occupato soprattutto di archivistica ecclesiastica, genealogia e onomastica familiare. Dal 2014 è direttore editoriale della rivista di storia locale "Venturina Terme". È l'ideatore e il curatore di questo portale.

Indice delle categorie

Pagina Facebook